Thomas Tozzi

Nel 2012 mi diplomo presso l’Istituto Superiore di Fotografia e Comunicazione Integrata di Roma. Terminati gli studi avvio un progetto web, insieme ad altri ragazzi, per la valorizzazione della nostra terra, il Molise. Qualche mese dopo decido di partire per continuare il progetto “City Europe” cominciato in accademia e ispirato al libro “le città invisibili” di Italo Calvino. Attraverso in solitaria 25 paesi dell’Unione Europea in un viaggio su e giù durato circa tre anni. In questi viaggi incontro gente proveniente da ogni parte del mondo e proprio questo stretto contatto con religioni, razze, lingue e culture differenti mi portano a crescere, sia da un punto di vista umano, sia professionale. Cerco, in tutto quello che faccio, di unire le mie più grandi passioni, la fotografia e il viaggio.

Jan Tozzi 
Nel 2013 conseguo la laurea in Filologia Moderna presso l’Università degli studi di Napoli Federico II. Sin da piccolo appassionato di cinema, musica e teatro, terminati gli studi inizio a lavorare come videomaker, trasformando in fretta la più grande delle passioni nel più bello dei lavori. Spinto dalla curiosità per tutto ciò che mi circonda non dò mai nulla per scontato e amo lavorare senza mai prescindere dalla ricerca di nuove soluzioni tecniche e artistiche. Prendo il mio lavoro con serietà e la mia vita con leggerezza … ‘che leggerezza non è superficialità, ma planare sulle cose dall’alto, non avere macigni sul cuore’. 

Walter Tozzi 
Mi diplomo presso l’istituto alberghiero di Termoli. Dopo alcuni anni trascorsi a Roma a lavorare come cuoco in un ristorante in centro, decido di trasferirmi a Londra. Da ormai diversi anni vivo qui. In estate spesso torno in Molise e quando posso aiuto i miei fratelli. Abbiamo tutti un ottimo rapporto e ci piace stare assieme. Oggi lavoro in un ristorante francese come pasticciere e il mio sogno è quello di aprire una cioccolateria tutta mia. Anch’io amo il Molise e sarebbe bello un giorno tornare a casa. In un mondo in cui tutto corre cosi velocemente qui ritrovo sempre la pace.

Amy Tozzi

Conseguo la laurea nel 2014 in Lingue e Civiltà Orientali presso l’Università “La Sapienza” di Roma, specializzandomi nello studio della lingua giapponese. Appassionata di cultura orientale, dopo la laurea inizio ad avvicinarmi al mondo della carta giapponese, in particolare all’arte degli origami. È bello vedere come negli origami basti cambiare poche piegature per dar vita a figure sempre diverse. La più piccola piegatura è importante e dietro ognuna di esse si nasconde un dettaglio ben preciso: il becco o le ali di un uccello, le orecchie di un cagnolino, la coda di una volpe. Avvicinatami a quest’arte un po’ per gioco, la carta diventa una sorta di compagna di avventure con cui sperimentare cose sempre nuove, dagli orecchini alle collane di carta fino ad arrivare alle partecipazioni per battesimi e matrimonio e ai segnalibri da usare come segnaposto. Per me la carta è movimento, è vita. Bastano solo due mani e un po’ di fantasia!